SCIENZA E RICERCA

Le vittime italiane del nazionalsocialismo: le memorie dei sopravvissuti

Dopo i saluti istituzionali di Marta Nalin, assessora alle Politiche sociali e pari opportunità del Comune di Padova, di Elena Pariotti, direttrice del Dipartimento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali dell’Università di Padova e Peter von Wesendonk, vice console generale della Repubblica Federale Tedesca, Consolato Generale di Milano, sarà Filippo Focardi docente dello SPGI a presentare i risultati del progetto di ricerca da lui coordinato “Le vittime italiane del nazionalsocialismo: le memorie dei sopravvissuti. Conoscere, ricordare, diffondere”.

Il progetto prevede la raccolta di video testimonianze di cittadine e cittadini italiani vittime delle diverse forme di violenza perpetrate da nazisti e fascisti durante il periodo dell’occupazione tedesca (1943-1945): superstiti civili e militari dei massacri, vittime della deportazione razziale e politica, lavoratori coatti, internati militari, partigiani sottoposti ad arresto, torture, violenze. La ricerca è stata finanziata dal Fondo italo-tedesco per il futuro, stanziato dalla Repubblica federale tedesca per realizzare una politica di riconciliazione e sviluppare una comune cultura del ricordo fra Italia e Germania.

Le interviste offrono storie di vita dei sopravvissuti alla violenza nazista e fascista ricostruendo un percorso dalla loro infanzia fino a oggi. Oltre ad un’attenzione specifica agli anni della guerra e al momento della persecuzione e della violenza, i racconti affrontano le storie personali e famigliari anche nel dopoguerra, soffermandosi sulle difficoltà legate al ritorno alla normalità e ponendo attenzione al significato della testimonianza e al ruolo del testimone nel contesto pubblico e privato.

Il gruppo di lavoro, costituito da un team di ricerca di cinque perone, si è avvalso della collaborazione dell’Associazione italiana di storia orale (Aiso), dell’Istituto nazionale Ferruccio Parri - Rete degli Istituti per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea, del Centro di documentazione ebraica contemporanea (Cdec), della Fondazione Fossoli e dei principali enti e associazioni di rappresentanza delle diverse categorie di testimoni.

Chiude l’incontro una tavola rotonda presieduta da Lutz Klinkhammer dell’Istituto storico germanico di Roma che prevede interventi di associazioni di ex-deportati, ex-internati, partigiani e reduci dalla prigionia.

Per maggiori informazioni: Filippo Focardi - Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi internazionali: filippo.focardi@unipd.it

  • QUANDO 25 NOVEMBRE - ORE 11:00
  • Sala Paladin, Palazzo Moroni
    Via VIII febbraio 6, Padova

POTREBBE INTERESSARTI

© 2018 Università di Padova
Tutti i diritti riservati P.I. 00742430283 C.F. 80006480281
Registrazione presso il Tribunale di Padova n. 2097/2012 del 18 giugno 2012