LIGHT

Immigrazione e integrazione raccontati dal cinema italiano: "Iuventa"

Il Centro di Documentazione Europea, CDE-DiPIC, in collaborazione con la Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Padova, organizza una rassegna cinematografica che coinvolge registi, studenti e docenti per un dibattito sui temi di pressante attualità.

Il progetto, inserito nel programma del Festival della Sostenibilità, vuole permettere alla cittadinanza, agli studenti dell’Università, in particolare della Scuola di Giurisprudenza, di confrontarsi con i temi dell’immigrazione e dell’integrazione, mescolando un approccio giuridico ad uno più ampio, sociale e culturale.

Dopo ciascuna proiezione, il pubblico è coinvolto dal dibattito cui prendono parte i registi, gli studenti e i docenti.

La rassegna, curata dal regista padovano Paolo Borraccetti, presenta film selezionati per la particolare sensibilità delle storie narrate, per la qualità cinematografica e per i temi giuridici sottesi:

  • 22 maggio: "Per un figlio" di Suranga d. Katugampala
  • 29 maggio: "Iuventa" di Michele Cinque
  • 4 giugno: "La mia classe" di Daniele Gaglianone

IUVENTA di Michele Cinque
Il film racconta gli eventi di un anno cruciale della vita di un gruppo di giovani europei impegnati nel progetto umanitario della ONG Jugend Rettet: dal primo viaggio della nave Iuventa nel Mediterraneo fino alle pesanti accuse che hanno portato al sequestro preventivo della nave nell’ambito di un’indagine sull’immigrazione clandestina. La narrazione del film è costruita a partire dalla prima missione della Iuventa: dalla partenza dal porto di Malta al ritorno della nave a La Valletta dopo 15 giorni in mare in cui sono state salvate oltre 2000 persone. Dopo la prima missione il film ci porta a Berlino e in Italia dove il futuro di Jugend Rettet viene messo in discussione. Iuventa, proprio per la giovane età dei protagonisti, è una sorta di racconto di formazione: il trovarsi davanti all’orrore della tragedia che si consuma quotidianamente nel Mediterraneo e la graduale presa di coscienza della complessità dei problemi connessi al grande tema della migrazione portano i giovani protagonisti a mettere in dubbio il senso dell’intero progetto che determina per loro la perdita dell’innocenza.

La partecipazione è libera e gratuita.

Programma della rassegna

© 2018 Università di Padova
Tutti i diritti riservati P.I. 00742430283 C.F. 80006480281
Registrazione presso il Tribunale di Padova n. 2097/2012 del 18 giugno 2012