SCIENZA E RICERCA

Pochi fondi, grandi risultati

L'incontro con Alison Abbott, senior European correspondent di Nature, nell'ambito della rassegna BoCulture del palinsesto Universa 2019, vuole raccontare il paradosso della ricerca scientifica italiana, che produce complessivamente buoni risultati, nonostante la completa inadeguatezza delle sovvenzioni, sia private che pubbliche.

Dal 2005, l'Italia ha accresciuto il suo contributo in termini ricerca fino a raggiungere il top 10% dei documenti scientifici più citati al mondo. E produce più pubblicazioni  per unità di spesa per ricerca e sviluppo di ogni altra nazione europea, ad eccezione della Gran Bretagna. Insomma, pochi fondi e buoni risultati: una situazione che è destinata a crollare nel tempo, ma anche un'opportunità di fondo che i governanti stanno trascurando.

L'Italia è l'unica nazione europea senza un'agenzia nazionale per la scienza e la tecnologia e senza un dialogo istituzionale regolato fra la comunità scientifica e il parlamento. È necessario cambiare le politiche per la scienza in Italia, e farlo presto.

Nel corso dell'incontro, a dialogare su questi temi assieme ad Alison Abbott sono: Fabio Beltram, membro del consiglio direttivo Anvur e docente di Fisica della materia alla Scuola Normale Superiore di Pisa, Francesca Pasinelli, direttrice generale della Fondazione Telethon, e il delegato Crui e rettore dell'Università di Padova Rosario Rizzuto; modera Giovanni De Luca, direttore della sede regionale Veneto della RAI.

Uno stimolo alla discussione viene dall'articolo di Alison Abbott per Nature "Italian election leaves science out in the cold".

All'incontro è disponibile un servizio di traduzione simultanea.

La partecipazione è libera, su prenotazione.

Locandina

  • QUANDO 20 MAGGIO - ORE 17:30
  • Palazzo Bo, Padova
    Aula Magna

POTREBBE INTERESSARTI

© 2018 Università di Padova
Tutti i diritti riservati P.I. 00742430283 C.F. 80006480281
Registrazione presso il Tribunale di Padova n. 2097/2012 del 18 giugno 2012