LIGHT

Urania, ladri d’arte e grandi scrittrici: la Padova del 500

Spettacolo nell'ambito degli Odeo Days, a cura di Silvia Gorgi e Giacomo Brunoro, con l’intervento di Maria Virgillito di Teatro Boxer e le Lame del conte.

Non si può dire che Padova non fosse all’avanguardia nel Cinquecento, visto che la prima scrittrice a comporre un’opera in prosa fu giustappunto una padovana, Giulia Bigolina, e, pensando al movimento MeToo odierno, nel suo romanzo, è protagonista assoluta Urania.

Tutt’altro che succube del mondo maschile, anzi, Urania han ben saldi in lei i principi di quella che sarà l’emancipazione femminile moderna. Un Cinquecento in cui in città presero forma grandi opere d’arte, dalla Madonna col Bambino di Girolamo Romanino alla Pala Ascensione di Paolo Veronese, il cui destino fu in parte comune… vennero trafugate e recuperate in giro per l’Europa.  

POTREBBE INTERESSARTI

© 2018 Università di Padova
Tutti i diritti riservati P.I. 00742430283 C.F. 80006480281
Registrazione presso il Tribunale di Padova n. 2097/2012 del 18 giugno 2012