LIGHT

La Lenguazza in concerto

In occasione delle Feriae Matricularum, la Polifonica Vitaliano Lenguazza, storica orchestra goliardica dell’Università di Padova, si esibisce in uno dei suoi ineguagliabili concerti, al cospetto dell’esimio Camillo Benso Conte di Cavour, ai piedi della di lui statua nell’omonima piazza in quel di Padova.

Con un repertorio che l’accompagna da 50 anni (La Vispa Teresa, Bimbe Belle facciamo all'amore, Mamma mi cago, Ea mona de'e gaine, Il Vaticano brucerà, Rosina dammela e tanti altri pezzi goliardici) la band in bombetta e frac è un punto di riferimento per simpatia e originalità della scena musicale  padovana.

Una cinquantina d'anni fa un gruppo di goliardi (Carlo Barotti, Gigi Villani, Paolo Campesan, Marcello Zancan e Giorgio Rupolo)  fondò l'orchestra destinata ad avere un clamoroso successo: la Vitaliano Lenguazza, nome “rubato” a un anziano musicista che abitava nel Ghetto.

Erano i primi giorni del 1959 e la ricorrenza dell'8 febbraio, data della tradizionale inaugurazione dell’anno accademico, si stava avvicinando. Si dotarono dei primi strumenti: armoniche e trombe. Quello “scherzo”, giorno dopo giorno, diventerà una faccenda terribilmente seria: alla piccola compagnia iniziale di suonatori aderirono altri giovani che portarono in dote allegria e amicizia. Anche se la maggioranza dei “Maestri” non aveva mai studiato musica, il gruppo trovò subito un’incredibile intesa, mettendo in cartellone concerti gratuiti per beneficienza e in partitura le loro formidabili gag e “stecche”. Negli ultimi anni è stata protagonista di molti eventi legati alla vita dell’Ateneo raccogliendo fondi per varie iniziative.

 

POTREBBE INTERESSARTI

© 2018 Università di Padova
Tutti i diritti riservati P.I. 00742430283 C.F. 80006480281
Registrazione presso il Tribunale di Padova n. 2097/2012 del 18 giugno 2012