SPAZIO SALUTE

L’angiologia tra storia e futuro

Il convegno L’Angiologia tra storia e futuro apre una grande finestra che abbraccia la storia, l’attualità e uno scorcio sul futuro sull’angiologia, dalle tecnologie per la diagnostica alle diverse patologie legate ai problemi vascolari.

Nel corso dell'evento si parla tra l’altro dei danni microcircolatori legati all’obesità, delle vasculopatie legate alla genetica, degli studi per rigenerare i vasi sanguigni, alle prospettive di cura di linfedema e lipedema, fino alle problematiche legate al trapianto di cuore.

Il programma prevede inoltre un excursus sulla figura di Bruno da Longobucco, tra i fondatori dell’Università di Padova e primo Magister di Chirurgia nel 1222.

Ma la scienza è il luogo preferito dell’incontro con l’arte, particolarmente quella raffigurativa, fin dagli esordi lo studio del corpo umano ha infatti prodotto tavole anatomiche di particolare pregio, basti ricordare le sei tavole eseguite da Andrea Vesalio e accompagnate da didascalie sulle vene, l'aorta e lo scheletro, che furono pubblicate nel 1538. 
Affianca il Convegno una esposizione nella Sala della Basilica del Bo di quadri opera di due medici: Giuseppe Tarantini, direttore di Emodinamica e Cardiologia interventistica, e Antonio Zanon, direttore della Chirurgia vascolare dell’Ulss 4 San Donà, di scuola padovana.

Programma

  • QUANDO 19 NOVEMBRE - ORE 08:30
  • Aula Magna di Palazzo del Bo
    Via VIII Febbraio, 2 - Padova

© 2018 Università di Padova
Tutti i diritti riservati P.I. 00742430283 C.F. 80006480281
Registrazione presso il Tribunale di Padova n. 2097/2012 del 18 giugno 2012