SCIENZA E RICERCA

Obesità: è possibile studiarla senza i test sugli animali

icone audio

Ascolta l’intervista completa alla dott.ssa Elisabetta Iori

Grazie ad uno studio del Centro Piaggio dell’Università di Pisa in collaborazione con l’Università di Padova e l’Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr di Pisa, sembra esserci una nuova tecnica sperimentale per fare ricerca sulle malattie legate all’obesità senza cavie animali.

Lo studio, pubblicato sulla rivista PlosONE e che ha tra i firmatari il prof. Angelo Avogaro e le dott.sse Elisabetta Iori e Maria Cristina Marescotti dell’Università di Padova, propone quindi un sistema per studiare i disturbi metabolici legati all’eccesso di nutrizione senza usare cavie animali, usando cioè cellule umane ingegnerizzate e coltivate in provetta.

“Questo è uno studio pilota – ha dichiarato la dott.ssa Elisabetta Iori ai nostri microfoni – scaturisce da un periodo di collaborazione con il Centro Piaggio che ha messo a disposizione tutta la sua esperienza di studio di particolare bioreattori che permettono la coltura di cellule in connessione, cioè cellule diverse in un circuito che tende a mimare quello che succede in vivo”

 

“Nel nostro caso – ha continuato la dott.ssa Iori – sono state messe in coltura tre tipi diversi di cellule, cioè cellule del tessuto adiposo cioè il grasso cuteneo, cellule endoteliali e cellule epatiche che vogliono mimare il tessuto epatico”.

Evitare i test sugli animali

“Quest’idea nasce in quanto la sperimentazione animale non sempre fornisce risposte che possono essere esaustive e possono corrispondere a quello che effettivamente succede nell’organismo umano. Ci sono delle differenze tra livello animale e livello dell’uomo. Naturalmente è un modello limitato perché il nostro organismo è molto più complesso, però può fornire delle utili indicazioni“.

icone audio

Ascolta l’intervista completa alla dott.ssa Elisabetta Iori

POTREBBE INTERESSARTI

© 2018 Università di Padova
Tutti i diritti riservati P.I. 00742430283 C.F. 80006480281
Registrazione presso il Tribunale di Padova n. 2097/2012 del 18 giugno 2012