SCIENZA E RICERCA

Dagli zirconi i segreti della Terra

Un giacimento di zirconi in Sudafrica databili a circa 4,1 miliardi di anni fa. È questo quello che ha scoperto un gruppo di ricercatori della Louisiana State University a Baton Rouge e descritto in uno studio dal titolo Hadean zircon from a 3.3 Ga sandstone, Barberton greenstone belt, South Africa. L’articolo è stato pubblicato nei giorni scorsi su Geology

Lo zircone non è un elemento molto comune. Ad oggi le uniche miniere conosciute sono in Australia e in India. Sebbene non comune, esso rappresenta uno dei minerali più importanti in geologia per capire come si è formato il nostro pianeta. Ma perché? 

Fabrizio Nestola racconta l'importanza di studiare gli zirconi per capire come si è formato il nostro pianeta. Riprese e montaggio di Elisa Speronello

Gli zirconi innanzitutto contengono al loro interno delle impurezze, come uranio e piombo, che danno la possibilità di datare il minerale. Sono inoltre tra i minerali più vecchi al mondo e studiare  oggetti così antichi permette di studiare un momento della Terra ancora sconosciuto. Infine, all’interno degli zirconi si trovano sacche di fluidi, non acquosi, che contengono idrogeno e che possono dare informazioni sul momento in cui è comparsa l’acqua sul nostro pianeta.  

 

Fabrizio Nestola, Head of Department of Geosciences at University of Padova, talks about some extremely old zircons that reveal the secrets of Earth's infancy

POTREBBE INTERESSARTI

© 2018 Università di Padova
Tutti i diritti riservati P.I. 00742430283 C.F. 80006480281
Registrazione presso il Tribunale di Padova n. 2097/2012 del 18 giugno 2012