CULTURA

Geografie in movimento

Il Congresso Geografico Italiano torna nella città di Padova a 67 anni di distanza dal Congresso del 1954, per celebrare assieme agli  otto secoli di storia dell’Ateneo patavino anche 150 anni di ricerca, didattica e impegno civile della geografia, forte della sua storia ma anche di una costante vocazione al rinnovamento della disciplina e dei suoi strumenti di interpretazione del mondo.

Il Congresso Geografico Italiano 2021 è dedicato alle “geografie in movimento”, proprio nel momento in cui l’iper-mobilità che sembrava aver attratto l’attenzione più di recente è messa in questione dalla condizione pandemica. La situazione presente (o appena attraversata), tuttavia, smuove concetti, teorizzazioni, strumenti eminentemente geografici.

Il Congresso vuole stimolare un’articolata riflessione sulle geografie in movimento sia per inserirsi nel più ampio dibattito sulle mobilità, sia per riflettere sul movimento come dialogo trasversale tra le branche interne alla disciplina e della disciplina con altri saperi.

Per giocare al gioco del movimento e per mettere in discussione le questioni della mobilità, il Congresso rimescola le carte e si organizza intorno a cinque nodi tematici: 

- Elementi, animali, piante: mobilità dei costituenti, delle forze e degli organismi

- Oggetti, merci, beni: l’impronta materiale del movimento nello spazio

- Soggetti, gruppi, persone: pratiche, spazi e dinamiche delle mobilità umane

- Idee, testi, rappresentazioni: pensare, raccontare, immaginare il movimento

- Strumenti, tecnologie, dati: GIS, luoghi, sensori, attori

Per partecipare ai lavori del congresso è necessario completare la procedura di iscrizione che prevede il versamento della quota di iscrizione e la registrazione.

POTREBBE INTERESSARTI

© 2018 Università di Padova
Tutti i diritti riservati P.I. 00742430283 C.F. 80006480281
Registrazione presso il Tribunale di Padova n. 2097/2012 del 18 giugno 2012