CULTURA

Raccontami una storia libera: piccoli progetti straordinari

Mappe, cruciverba e fumetti, modelli 3D e lapbook. Sono tanti e interessanti i lavori presentati dai 1848 ragazzi e ragazze da 85 classi padovane (ma non solo, ha partecipato anche una scuola di Pisa), un ottimo risultato che conclude un percorso iniziato con una call dell'ateneo rivolta alle scuole. I progetti sono stati costruiti attorno a una storia, o meglio, a un intero libro della collana di narrativa storica illustrata Storie libere, ideata dall'università di Padova, in collaborazione con Carthusia Edizioni: otto volumi dedicati a uomini e donne eccellenti, che hanno saputo guardare oltre i limiti del loro tempo, scelti tra quelli che hanno attraversato gli 800 anni di storia dell'ateneo.

Le vite di Galileo Galilei, Andrea Vesalio, Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, Antonio Vallisneri, Enrico Bernardi, Tullio Levi Civita, Milla Baldo Ceolin hanno ispirato studentesse e studenti, permettendo loro di creare "in libertà". Al gruppo di libri manca ancora quello dedicato a Concetto Marchesi, la sua storia chiuderà la serie e arriverà in libreria a fine giugno.

Raccontami una storia libera nasce dunque come proposta didattica per portare gli otto secoli di storia dell’università di Padova nelle scuole, attraverso una serie di stimoli e suggerimenti per orientarsi e mettere in moto la creatività: dalle interviste "impossibili" ai disegni per immaginare il laboratorio dello scienziato, dalle mappe con i luoghi attraversati dai protagonisti delle "storie libere" al libro delle invenzioni, dall'enciclopedia junior alla piccola raccolta della scienza.

Il risultato del viaggio di esplorazione e scoperta - tra promozione della lettura, divulgazione scientifica e storica - è una raccolta di progetti realizzati da bambini e insegnanti delle scuole primarie e secondarie di primo grado stimolando fantasia, pensiero critico e metodo scientifico. Concluse le fasi di invio e valutazione, sono stati scelti i nove vincitori: a loro sono riservate visite gratuite alla scoperta di Palazzo Bo (Palazzo Bo antico e Palazzo Bo novecentesco).

"Carissime ragazze e carissimi ragazzi, sono rimasta felicemente colpita dalla vostra partecipazione al progetto Raccontami una storia libera. La creatività e la curiosità con le quali avete saputo affrontare la 'sfida' che vi era stata lanciata è un segnale di vivacità intellettuale che fa ben sperare per il futuro. I vostri lavori acquisiscono un significato ulteriore, che porteranno nel tempo: celebrano una data per noi carica di significato, i nostri 800 anni di vita. Secoli nei quali l’Università di Padova ha saputo compiere grandi progressi, grazie a donne e uomini che hanno contribuito a pensare e costruire un futuro migliore, per tutti. Con i vostri contributi, quindi, entrate a far parte della nostra storia. Vi ringrazio per l’entusiasmo che avete messo nel realizzare i vostri lavori, vi auguro un futuro radioso magari, perché no, anche come studentesse e studenti del nostro Ateneo".

Questa è la lettera inviata a tutte le classi dalla rettrice Daniela Mapelli

La primaria Montessori ha proposto un fumetto per raccontare la storia di Milla Baldo Ceolin, studiosa conosciuta in tutto il mondo, allieva prima e collega poi dei migliori fisici internazionali, protagonista anche del cartone animato, dal titolo Che fenomeno!, realizzato dagli studenti di terza A della secondaria di primo grado Don Bosco di Marsango di Campo San Martino, nel padovano. Bambine e bambini della primaria Arcobaleno di Padova hanno registrato un podcast con una intervista immaginaria a Elena Lucrezia Cornaro Piscopia (e notizie relative alle pari opportunità, pubblicità progresso, poesie, musica e quiz a premi), prima donna al mondo a ottenere la laurea nel 1678 e protagonista del libro La canzone di Elena. 

Il corpo umano è al centro del progetto della classe quinta della scuola primaria Santa Maria del Pilastro di Este, che trae ispirazione dalla storia di Andrea Vesalio raccontata ne Il mistero dell'anatomista: il corpo è diventato un totem, apparati e sistemi sono stati realizzati utilizzando materiali di riciclo. Alunne e alunni della primaria Flavio Busonera di Abano Terme hanno creato lapbook cartacei dedicati ad Antonio Vallisneri, straordinario esponente della cultura scientifica del Settecento, e quelli della primaria Duca D'Aosta - Istituto comprensivo di San Martino di Lupari hanno realizzato alcuni modelli di sistema solare 3D.

Questi sono solo alcuni esempi, le proposte sono tante e varie: un cruciverba, testi tra storia e poesia realizzati con il metodo caviardage, il gioco dedicato a Vesalio (che come struttura ricorda quello dell'oca), la mappa con caccia al tesoro attorno alla figura di Galileo Galilei.

Raccontami una storia libera si inserisce nel programma 800 for kids

POTREBBE INTERESSARTI

© 2018 Università di Padova
Tutti i diritti riservati P.I. 00742430283 C.F. 80006480281
Registrazione presso il Tribunale di Padova n. 2097/2012 del 18 giugno 2012