SCIENZA E RICERCA

L'evoluzione umana: un cespuglio di ominini

Una caratteristica abbastanza impressionante dell’evoluzione umana si vede sui teschi posizionati sul tavolo da cui sto parlando: l’antenato comune tra noi e scimpanzé è vissuto 6 milioni di anni fa e io sono qui a parlarvi 6 milioni di anni dopo, ma per 4 milioni di anni l’evoluzione umana non visto alcun sviluppo di crescita delle dimensioni del cervello. Prima del genere homo il cervello oscillava tra maschi e femmine tra i 450 e i 500 centimetri cubi: poco più di un terzo del nostro. Gli adattamenti che hanno caratterizzato tutte queste prime ramificazioni hanno riguardato la postura (il bipedismo per esempio), nella dieta e forse nell’organizzazione sociale. Ma non il grado di encefalizzazione. 


LEGGI ANCHE:


 

POTREBBE INTERESSARTI

© 2018 Università di Padova
Tutti i diritti riservati P.I. 00742430283 C.F. 80006480281
Registrazione presso il Tribunale di Padova n. 2097/2012 del 18 giugno 2012